Ultimi giorni per ammirare la mostra "Un segno per la rinascita" nel Complesso Monumentale di Sant'Agostino

...

04/10/2019

I preziosi affreschi recuperati dal Monastero di San Liberatore in Castelsantangelo sul Nera resteranno sino a domencia 6 ottobre 2019

Chiude domenica 6 ottobre la mostra “Un segno per la rinascita. I preziosi affreschi recuperati dal Monastero di San Liberatore in Castelsantangelo sul Nera” al Complesso Monumentale di S.Agostino a Mondolfo. Evento organizzato dal Comune di Mondolfo in stretta sinergia con la Soprintendenza Archeologia Belle Arti e Paesaggio delle Marche, mercé l’intervento del nucleo tutela beni culturali dei Carabinieri e la collaborazione della locale sede dell’Archeoclub d’Italia con l’ICS “Fermi”, la mostra ha portato in uno dei borghi più belli d’Italia preziose opere provenienti dalle aree terremotare delle Marche, opere riconducibili a Paolo da Visso, così come fini ebanisterie e antiche statue. Grande successo di pubblico, rimasto affascinato dalle opere esposte che raffigurano anche alcune delle più antiche “sirene” dipinte nelle Marche. Mostra che ha costituito anche un’importante volano turistico per la città fortificata sul mare, con il costante afflusso ai Musei civici di Mondolfo che, per l’ampio orario di apertura predisposto con Pro Loco, hanno garantito ampio accesso, pure quale spazio di informazione ed accoglienza turistica in uno dei borghi più belli d’Italia. Un ampio ringraziamento a tutti i soggetti, ad iniziare dal Comune di Castelsantangelo sul nera e dal Monastero di San Liberatore ed alla Soprintendenza, che hanno reso possibile questa evento culturale, ricco quanto significativo. La mostra resterà aperta - in concomitanza con le aperture dei Musei - sino a domenica con orario 9-12/15-18 sempre ad ingresso gratuito. Per informazioni: www.castellodimondolfo.it -  www.comune.mondolfo.pu.it .

 

 

 

 

Orari Musei Civici Mondolfo:

Dal 1 settembre 2019 al 2 febbraio 2020

Dal mercoledì alla domenica e festivi: ore 9-12 / 15-18

 

 

Chiuso: 25 dicembre e 1 gennaio