Residenti all'Estero

Data:
24 Maggio 2020
Immagine non trovata

Novità IMU e TARI 2021 per i pensionati all’estero

La Legge di Bilancio di previsione dello Stato italiano per l'anno finanziario 2021 al comma 48 dell'articolo 1 ha previsto delle riduzioni per i pensionati esteri titolari di pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l’Italia. Si riporta il testo del comma 48:
"A partire dall'anno 2021 per una sola unita' immobiliare a uso abitativo, non locata o data in comodato d'uso, posseduta in Italia a titolo di proprieta' o usufrutto da soggetti non residenti nel territorio dello Stato che siano titolari di pensione maturata in regime di convenzione internazionale con l'Italia, residenti in uno Stato di assicurazione diverso dall'Italia, l'imposta municipale propria di cui all'articolo 1, commi da 739 a 783, della legge 27 dicembre 2019, n. 160, e' applicata nella misura della meta' e la tassa sui rifiuti avente natura di tributo o la tariffa sui rifiuti avente natura di corrispettivo, di cui, rispettivamente, al comma 639 e al comma 668 dell'articolo 1 della legge 27 dicembre 2013, n. 147, e' dovuta in misura ridotta di due terzi."

Risoluzione Ministero delle Finanze n. 5/DF del 11/06/2021

 

Modalità di versamento per i residenti all'estero

I soggetti non residenti nel Territorio dello Stato potranno effettuare i versamenti IMU e TARI dovuti al Comune di Mondolfo, con bonifico direttamente a favore del c/c intestato al Comune di Mondolfo come sotto indicato:

Per l'IMU (Imposta municipale propria) può essere utilizzato il seguente conto:
ICI - Imposta Comunale sugli Immobili
IBAN: IT22E0760113300000020092862
BIC/Swift: BPPIITRRXXX  

 

Per la TARI (Tassa sui rifiuti) può essere utilizzato il seguente conto:
Servizio Tributi
IBAN: IT52U0760113300001013577174
BIC/Swift: BPPIITRRXXX  

 


Quale causale andrà indicato:
- il codice fiscale o la partita IVA del contribuente o, in mancanza, il codice di identificazione fiscale rilasciato dallo Stato estero di residenza, se posseduto;
- la sigla “IMU” o "TARI" e l’annualità di riferimento.

Per i soggetti residenti all'estero che possiedono fabbricati produttivi di categoria catastale "D" per i quali vi sia da versare anche la quota riservata allo Stato, i contribuenti, oltre al bonifico al Comune per la quota comunale, devono effettuare un bonifico direttamente a favore della Banca d’Italia (codice BIC: BITAITRRENT) per la quota Statale, utilizzando il codice IBAN: IT02G0100003245348006108000. In questo caso nella causale va anche indicato il Comune di ubicazione degli immobili e la copia di entrambe le operazioni deve essere poi inoltrata al Comune per i successivi controlli.



IMU - Imposta municipale propria: dovuta dal possessore di immobili (fabbricati - terreni - aree fabbricabili), intendendosi per tali il proprietario ovvero il titolare del diritto reale di usufrutto, uso, abitazione, enfiteusi, superficie sugli stessi.

TARI - Tassa sui rifiuti: a carico dell’utilizzatore, destinata a finanziare i costi del servizio di raccolta e smaltimento dei rifiuti vai alla pagina dedicata.
 


Agevolazioni per i cittadini italiani AIRE già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza
(annualità ante 2021)

Per l'anno 2020: per le abitazioni possedute nel Comune di Mondolfo da tutti i cittadini italiani residenti all'estero, per l'IMU va applicata l'aliquota ordinaria del 10,6 per mille senza detrazioni e/o riduzioni. Per l'anno 2020 non è più prevista l'assimilazione ad Abitazione Principale per i cosiddetti "pensionati AIRE" vigente per il periodo 2015/2019. Permane la riduzione di due terzi per la TARI con le condizioni sotto riportate.

Per le annualità 2016-2019: Assimilazione ad Abitazione Principale (esclusione da IMU e TASI) e riduzione di due terzi per la TARI con le condizioni sotto riportate.

Per l'anno 2015: Assimilazione ad Abitazione Principale (esclusione da IMU) e riduzione di due terzi per TASI e TARI con le condizioni sotto riportate.

Riferimento normativi:

D.L. n. 47/2014 convertito, con modificazioni, con Legge n. 18/2014 - Art. 9/bis. IMU per immobili posseduti da cittadini residenti all'estero:

  1. All’articolo 13, comma 2, del decreto-legge 6 dicembre 2011, n. 201, convertito, con modificazioni, dalla legge 22 dicembre 2011, n. 214, al settimo periodo, le parole da: “, l’unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti" fino a: "non risulti locata" sono soppresse e dopo l’ottavo periodo è inserito il seguente: "A partire dall’anno 2015 è considerata direttamente adibita ad abitazione principale una ed una sola unità immobiliare posseduta dai cittadini italiani non residenti nel territorio dello Stato e iscritti all’Anagrafe degli italiani residenti all’estero (AIRE), già pensionati nei rispettivi Paesi di residenza, a titolo di proprietà o di usufrutto in Italia, a condizione che non risulti locata o data in comodato d’uso”.
  2. Sull’unità immobiliare di cui al comma 1, le imposte comunali TASI e TARI sono applicate, per ciascun anno, in misura ridotta di due terzi.

Ulteriori informazioni:


Risoluzione Ministeriale n° 6/DF del 26/06/2015
Risoluzione Ministeriale n° 10/DF del 05/11/2015